Innovation made in Europe: gli imprenditori, leader ed innovatori nominati agli EIT Awards

luglio 9th, 2019
Innovation made in Europe: gli imprenditori, leader ed innovatori nominati agli EIT Awards
Ricerca
0

L’EIT (European Institute of Innovation & Technology)  presenta i 19 nominati che partecipano ai Premi EIT 2019. I principali innovatori della Comunità EIT stanno lasciando il segno in tutta Europa, offrendo soluzioni innovative alle sfide più pressanti per la nostra società. La cerimonia si terrà a Budapest il 15 ottobre 2019 durante l’Innovation Forum annuale dell’INFIT, INNOVEIT.

I candidati sono i laureati, gli imprenditori e gli innovatori più promettenti in Europa. Ogni candidato è stato selezionato per affrontare le sfide globali con innovazioni pionieristiche nei campi del clima, dell’energia, della digitalizzazione, dell’alimentazione, della salute e delle materie prime. I loro prodotti e servizi stanno guidando la capacità dell’Europa di innovare e creare posti di lavoro e crescita per l’Europa. Quest’anno provengono da: Finlandia (1), Francia (2), Germania (5), Italia (1), Lettonia (1), Paesi Bassi (1), Norvegia (1), Polonia (1), Portogallo (1) , Spagna (1), Svezia (1), Svizzera (1), Regno Unito (1) e Stati Uniti (1).

I 19 candidati andranno a una selezione finale per i quattro premi. I finalisti di ogni categoria pubblicheranno la propria innovazione il 15 ottobre 2019, dopo il quale verranno annunciati i vincitori delle cinque categorie. I cittadini potranno inoltre esprimere la loro opinione votando la loro massima innovazione per vincere il Premio pubblico EIT, con votazione online a partire dal 2 settembre 2019.

Luca Giovannini di Dedagroup in lizza per l’Italia. Luca Giovannini è stato infatti candidato da Climate-Kic per il progetto Smash, una piattaforma web-based che offre analisi dei dati sulla mobilità sostenibile in una decina di città pilota. La piattaforma è una soluzione SaaS che facilita la visualizzazione dei dati. Lo scopo del servizio offerto, finanziato da Climate-KIC, è contribuire alla riduzione delle emissioni di CO2 aiutando le amministrazioni locali e le aziende private a definire strategie di mobilità a basso impatto.

 

Lascia un commento