Prof bullizzata, il preside nega l’accaduto: “Tutte falsità. Insegnante solo presa in giro”

marzo 28th, 2018
Prof bullizzata, il preside nega l’accaduto: “Tutte falsità. Insegnante solo presa in giro”
Scuola
1

Hanno immobilizzato l’insegnante – che ha difficoltà di movimento – alla sedia, l’hanno legata con lo scotch e poi hanno cominciato a prendere a calci la sedia. L’episodio di bullismo è stato registrato e rilanciato su Instagram, come vanto. A salvare la professoressa, una supplente, dall’attacco dei bulli è stato il ragazzo di un’altra classe che, accortosi di quello che stava accadendo, ha chiamato il bidello e poi ha liberato l’insegnante, spaventata.

Il preside Salvatore Ossino nega l’accaduto: “Tutte falsità. Non ci sono mai stati episodi di bullismo qua dentro, non è mai accaduto nulla del genere nella nostra scuola”. Il dirigente conferma l’episodio ma lo ridimensiona molto: “Una supplente è stata mandata in questa classe e due o tre alunni hanno preso in giro questa insegnante. Nessuno è stato preso a calci né è stato legato. Ho fatto di tutto per individuare i colpevoli, ho fatto denuncia alla polizia postale. Loro stessi mi hanno suggerito di prendere provvedimenti. Ho convocato il consiglio di classe e i ragazzi sono stati punti e sospesi”.

La prima decisione del Consiglio di Istituto è stata un mese di sospensione per tutta la classe (ma con obbligo di frequenza) trasformato in lavori socialmente utili. Nell’intervallo, per un mese, i ragazzi, a gruppi di tre, andranno nelle altre classi dell’istituto e dovranno svuotare i cestini. Ma c’è chi sostiene che forse la punizione è troppo lieve: “Servivano pene più severe” sostengono alcuni insegnanti dell’istituto.

One Comment

  1. Franco Cordiale says:

    Questo preside forse crede che siamo tutti scemi…e che le infami violenze da parte di un branco di delinquentelli vigliacchi siano una invenzione. Purtroppo questa é la linea di tantissimi DS o “dirigenti scolastici”: opportunisti e vigliacchi, proni ai capricci e al teppismo della marmaglia e rispettivi genitori. La scuola di ogni ordine e grado sta affondando ed il mestiere di docente sarà in un breve futuro l’ultimissima spiaggia dei laureati disoccupati. Chi saprebbe adattarsi ad una scuola di MERDA come quella che purtroppo si va diffondendo sempre più ? Farcita di ciarle pretese pedagogiche, ma in balìa del branco di cialtroni nullafacenti che ormai quasi sempre vi spadroneggiano ?

Lascia un commento