Miur, siglata intesa alternanza scuola-lavoro con Cida

novembre 3rd, 2017
Miur, siglata intesa alternanza scuola-lavoro con Cida
Scuola
0

Ministero dell’Istruzione e Cida hanno siglato un protocollo d’intesa per l’alternanza scuola-lavoro. L’obiettivo è quello di promuovere la collaborazione, il raccordo e il confronto tra il sistema educativo di istruzione e la cultura gestionale. “Tra nostri associati enorme baglio di competenze dal quale attingere le professionalità più adatte per accompagnare gli studenti nel mondo del lavoro – spiega Giorgio Ambrogioni, presidente della Confederazione dei dirigenti ed alte professionalità del pubblico e del privato (Cida) –  ma anche i valori, gli aspetti formativi e di accrescimento personale”.

Nel protocollo, Cida e le proprie Federazioni si impegnano a predisporre elenchi di manager che, a livello territoriale e a titolo gratuito, si rendono disponibili ad assistere gli studenti in progetti di alternanza. La figura del manager-tutor diventa così un nevralgico punto di raccordo fra i docenti e gli studenti. Ma non solo: il tutor deve anche supportare le piccole e medie imprese ad accogliere e inserire gli studenti. Si tratta di realtà produttive molto diffuse sul territorio, ma che spesso scontano una certa rigidità gestionale e fanno fatica ad aprirsi a nuove esperienze apparentemente dispersive. Il tutor, insomma, deve saper colmare l’inesperienza del giovane e superare le diffidenze delle pmi.

“E per non ripetere alcune esperienze negative -sottolinea Ambrogioni- il protocollo con il Miur prevede che Cida svolga iniziative di monitoraggio e valutazione delle attività di alternanza scuola-lavoro. Con particolare riguardo alla possibilità, per le aziende che hanno aderito ai progetti, di esprimere una valutazione in ordine alla preparazione degli studenti partecipanti e all’efficacia dei percorsi”. Anche un apposito comitato paritetico ministero-Cida, coordinato dal Miur, si farà carico di monitorare e valutare le varie iniziative ed esperienze, proprio per misurarne gli effetti, l’efficacia, le potenzialità e correggerne, se il caso, errori ed imperfezioni. “Le proteste degli studenti, scesi in piazza contro storture e pessime applicazioni dell’alternanza scuola-lavoro -continua Ambrogioni- vanno ascoltate e pretendono una risposta. Che, per quanto ci riguarda, è quella di impegnarci a proporre modelli validi e funzionanti del progetto alternanza scuola-lavoro. Se vi sono stati casi di ‘sfruttamento’ degli studenti, vanno isolati e condannati”. 

Leggi anche:

Unisa, proroga il part time L’Università degli studi di Salerno ha prorogato al 15 marzo il termine ultimo per lo svolgimento dell’attività di collaborazione part time nei locali...
Olimpiadi di Italiano, al via la sfida tra gli stu... Edizione da record con quasi 57.500 iscritti Due giorni di prove in oltre 1.100 istituti Adesioni record per la settima edizione delle Olimpiadi d...
A tutta musica Una settimana di rassegna con concerti e spettacoli “per tutti i gusti” quella che ha preso il via ieri, 21 gennaio, presso l’aula Magna del Polo Scie...
Rapporto Invalsi: quali lacune da colmare Resa dei conti della scuola italiana: i test INVALSI sembrano non offrire una rosea fotografia delle competenze linguistiche e matematiche dei nostri ...

Lascia un commento