Miniera d’oro nello spazio, l’Italia protagonista della scoperta

ottobre 17th, 2017
Miniera d’oro nello spazio, l’Italia protagonista della scoperta
Ricerca
0

Due stelle di neutroni si sono incontrate a 130 milioni di anni luce dalla Terra ed esplodendo hanno dato vita a una miniera d’oro e platino nello spazio maggiore della massa del Sole. La scoperta, osservata grazie alle onde gravitazionali ed elettromagnetiche, è stata realizzata grazie alla sinergia tra i due Laser Interferometer Gravitational-Wave Observatory (l’Osservatorio LIGO) negli Stati Uniti insieme al rivelatore VIRGO, in Europa, abbinata alle osservazioni e alle indagini nella banda elettromagnetica ottenute da 70 telescopi a terra, tra cui REM, VST, VLT, e osservatori spaziali, come Fermi e Integral, Swift, Chandra, Hubble, che hanno permesso di caratterizzare in modo chiaro l’origine dell’onda.

L’Italia è tra i protagonisti a livello mondiale di questo straordinario risultato con l’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN), padre di VIRGO,  il rivelatore per onde gravitazionali, l’Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF), che ha “fotografato” e quindi riconosciuto e caratterizzato, tra i primi al mondo con strumenti da terra e dallo spazio, la sorgente denominata AT2017gfo e l’Agenzia Spaziale Italiana (ASI) che partecipa con missioni dedicate all’astrofisica delle alte energie.   Quando si sono scontrate, hanno emesso un lampo di luce sotto forma di raggi gamma, osservato nello spazio circa due secondi dopo l’emissione delle onde gravitazionali dal satellite Fermi della Nasa e quindi confermato dal satellite Integral dell’ESA. Nei giorni e nelle settimane successive allo scontro cosmico è stata individuata l’emissione di onde elettromagnetiche in altre lunghezze d’onda, tra cui raggi X, ultravioletti, luce visibile, infrarossi e onde radio. I ricercatori italiani dell’INAF hanno potuto raccogliere e analizzare, grazie al telescopio REM (Rapid Eye Mount) e quelli dell’ESO VST (VLT survey telescope) e VLT una preziosissima messe di informazioni su questo evento. Decisivo è stato anche il contributo fornito dai dati provenienti dallo spazio grazie alle missioni Integral e Swift, che vedono la partecipazione dell’Agenzia Spaziale italiana, CHANDRA (Nasa) e Hubble (NASA-ESA).

Gli astronomi hanno avuto un’opportunità senza precedenti per sondare con tutti i migliori strumenti per l’osservazione dell’universo oggi in funzione la collisione di due stelle di neutroni. Le osservazioni fatte dal telescopio Very Large Telescope (VLT) e guidate da ricercatori italiani rivelano evidenze della sintesi di elementi pesanti scaturiti in seguito all’immane esplosione, come l’oro e il platino, e risolvendo così il mistero, che durava da decine di anni, sull’origine di quasi la metà di tutti gli elementi più pesanti del ferro. Alle stesse conclusioni portano i dati raccolti dal telescopio spaziale Hubble della NASA. Gli scienziati hanno inoltre avuto  la prima conferma diretta che le collisioni tra stelle di neutroni danno origine ai famosi “lampi di raggi gamma” (o Gamma-Ray Burst, GRB) di breve durata. ““È una giornata storica per la scienza e si apre una nuova era per la ricerca spaziale – dichiara il presidente dell’Asi Roberto Battiston – Confermata ancora una volta la validità della teoria della relatività di Einstein che prevede che anche le onde gravitazionali viaggino alla velocità della luce”. Il risultato rappresenta  il “coronamento di un progetto ambizioso, Virgo, iniziato oltre vent’anni fa dal visionario e tenace fisico Adalberto Giazotto”, conclude Fernando Ferroni, presidente dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN).

Leggi anche:

Master in Satelliti e Piattaforme Orbitanti Aperte le iscrizioni al “Master di II livello in Satelliti e Piattaforme Orbitanti” della Sapienza, giunto alla nona edizione. Il corso rientra tra le...
Componentistica spaziale del futuro: un nuovo band... Promuovere progetti di ricerca e sviluppo di tecnologie radicalmente innovative, in grado di garantire evoluzioni e applicazioni future nel settore ae...
Young International Forum, a maggio il via allR... Ritorna lo Young International Forum, la quarta edizione della manifestazione internazionale dedicata ai giovani del nostro Paese. Il via l’8 maggio 2...
La rassegna stampa di giovedì 28 settembre Ecco gli articoli selezionati da univ.it sulla stampa di oggi:  Il Sole 24 Ore - CONCORSI, SOLO 300 MILIONI ANTI-TRUCCHI Leggo Ed. ...

Lascia un commento