Almalaurea:”stage per combattere la crisi”

marzo 17th, 2010

Ancora più formazione e ricerca per combattere la crisi. Il nuovo Rapporto AlmaLaurea sulla condizione occupazionale dei laureati italiani ci trasmette una istantanea non molto diversa da quella dello scorso anno. La crisi economica ha avuto ripercussioni non da poco sui neolaureati. Così oggi si lavora e guadagna meno rispetto a un anno fa. Unica nota positiva: lo stage.

Secondo il consorzio, infatti, l’esperienza di stage maturata durante gli studi si associa a un significativo vantaggio in termini occupazionali rispetto a chi non vanta un’analoga esperienza: il tasso di occupazione è pari al 49%, rispetto al 46% di chi non ha effettuato un tirocinio formativo (+3 punti percentuali, contro i 6,5 punti dello scorso anno).

Disoccupazione in aumento. Lievita sensibilmente la disoccupazione rispetto all’anno passato, non solo fra i laureati triennali (dal 16,5 al 22%), ma anche fra i laureati magistrali (dal 14 al 21%) e fra gli specialistici a ciclo unico (medici, architetti, veterinari, ecc.): dal 9 al 15%. Una tendenza questa che si registra indipendentemente dal percorso di studio (anche fra quelli tradizionalmente più solidi come quelli ingegneristici ad esempio) e dalla sede dove si è studiato.

Rispetto alla precedente rilevazione, tutti i tipi di laurea esaminati hanno manifestato bruschi segnali di frenata della capacità di essere assorbiti dal mercato del lavoro: tra i laureati di primo livello il tasso di occupazione è sceso di quasi 7 punti percentuali (62% rispetto al 69% dell’anno scorso), tra i colleghi specialistici la contrazione registrata è di oltre 7 punti (45,5%, solo un anno fa, era del 53%), mentre tra gli specialistici a ciclo unico è di oltre 5 punti percentuali (37%; il precedente tasso di occupazione era del 43%).

Retribuzioni in calo. Il guadagno ad un anno dal «pezzo di carta» supera complessivamente i 1.050 euro netti mensili: in termini nominali 1.057 per gli specialistici, 1.109 per il primo livello, 1.110 per gli specialistici a ciclo unico. Rispetto alla precedente rilevazione, le retribuzioni nominali risultano in calo per tutte le tipologie di lauree considerate: la contrazione oscilla dal 2% tra i laureati di primo livello, al 3% tra i colleghi a ciclo unico fino a lievitare al 5% tra quelli specialistici.

Assunzioni bloccate in azienda. Le difficoltà sono confermate anche dalle richieste di laureati inoltrate dal mondo produttivo alla banca dati AlmaLaurea: il primo bimestre 2010, rispetto al corrispondente bimestre dell’anno precedente, mostra un calo nelle richieste di laureati del 31%; una contrazione della domanda superiore a quella dello stesso periodo dell’anno precedente e che coinvolge la quasi totalità dei percorsi di studio, anche quelli solitamente al vertice dell’occupazione (meno 37% nel gruppo Economico-statistico, meno 9% in Ingegneria).

Lascia un commento

Узнайте про нужный блог , он описывает в статьях про уборка ресторана http://1cs.com.ua
leah gotti torrent

uniti.ua