Palermo, un test per tutti gli immatricolandi

luglio 14th, 2009

testingresso.jpgDal prossimo anno accademico, 2009/2010, le future matricole che intendono iscriversi a un qualsiasi corso di laurea attivato presso l’Università di Palermo dovranno sostenere un test d’ingresso: per i corsi ad accesso libero, si tratta di prove non selettive, ma obbligatorie, per saggiare la preparazione iniziale dei candidati che – nel caso rivelino lacune – partiranno con obblighi formativi da colmare nel primo anno di corso; per i corsi a numero chiuso, si tratta, come negli scorsi anni, di prove selettive che serviranno a formare la graduatoria per l’accesso ai corsi, oltre che a saggiare la preparazione iniziale.

Gli studenti con obblighi formativi aggiuntivi che derivano da una preparazione iniziale carente in qualche area del sapere ritenuta indispensabile per l’accesso al corso di laurea, usufruiranno, nel mese di settembre, di specifici corsi di recupero, denominati «corsi zero», che saranno attivati, nelle facoltà, dal Centro di Orientamento e Tutorato (Cot) dell’Ateneo. «In questo modo – dice il rettore Roberto Lagalla – potremo conoscere i nostri futuri studenti nei loro punti di forza e nelle loro carenze formative e sostenerli con più efficacia nel loro percorso universitario. A questo si affiancherà il potenziamento del servizio di tutorato, con l’obiettivo di fornire un aiuto mirato, orientare alla conoscenza del mondo del lavoro, frenare il numero di fuori corso».

Aggiunge Vito Ferro, delegato del rettore alla Didattica: «La prova non selettiva non deve essere vissuta come un obbligo aggiuntivo da parte dello studente, ma come l’inizio di un percorso serio e motivato che parte dalla consapevolezza sia delle proprie conoscenze sia da eventuali carenze da colmare prima di iniziare a studiare le discipline universitarie. I test sono regolati da procedure nazionali oppure stabiliti dall’Ateneo o ancora dal singolo corso di laurea».

Il calendario. Le prove si svolgeranno, in alcuni casi al Polididattico, in altre nelle aule di facoltà, nel mese di settembre: i primi a partire, il primo settembre, saranno gli studenti stranieri di tutte le facoltà che dovranno sostenere la prova (non selettiva) di lingua italiana. Il 2 settembre di mattina toccherà ai candidati ai corsi di laurea della facoltà di Ingegneria, a numero chiuso; lo stesso giorno di pomeriggio ai futuri studenti di Giurisprudenza, dove invece i corsi sono ad accesso libero. Il 3 settembre il test selettivo per l’accesso al corso in Medicina, il 4 per Odontoiatria, il 7 quello per l’ingresso ai corsi della facoltà di Farmacia, pure a numero chiuso. E così via, secondo un calendario serrato che si chiuderà il 19 settembre con la prova, selettiva, per Scienze motorie.

I test riguardano i corsi triennali, quelli magistrali a ciclo unico e solo alcune lauree magistrali biennali. L’organizzazione del calendario consente allo studente di partecipare, nel caso fosse indeciso sul corso di laurea da scegliere, anche a più prove d’accesso: entro il 24 agosto, però bisognerà fare domanda di partecipazione ai test (sia selettivi che non selettivi), esclusivamente online sul portale, e il pagamento della tassa di partecipazione (45 euro) dovrà essere effettuato entro l’orario di chiusura degli sportelli bancari.

Lascia un commento